Blog

Sámi Blood

Amanda Kernell


Elle Marja, 14 anni, è una ragazzina della comunità Sami, i “nativi” dell’estremo nord svedese. Cresciuta tra gli allevatori di renne ed esposta al razzismo coloniale degli anni ’30 e alla emarginazione della razza a cui è sottoposta a scuola, Elle Maria è decisa a costruirsi una vita diversa, all’insegna della dignità e del rispetto che merita, ma per ottenerla dovrà tagliare i ponti con la sua famiglia e con la cultura della sua gente. Tanti anni dopo, ormai anziana, Elle Marja ritorna alla sua terra d’origine… Ricordi carichi di dolore che si confondono, nella memoria, con l’amore per la propria terra, per quei panorami indimenticabili, immensi e indomiti. Una regia e una recitazione misurate e al tempo stesso esplosive.

 

PREMIO LABEL EUROPA CINEMA
PREMIO FEDEORA AD AMANDA KERNELL COME MIGLIOR REGISTA ESORDIENTE
(13° GIORNATE DEGLI AUTORI-VENEZIA 2016)
PREMIO LUX 2017 DELLA COMUNITÀ EUROPEA



Svezia, 2016 – 1h 50′

Non tutti sono a conoscenza di che cosa la Norvegia, la Svezia e La Finlandia fecero al popolo Sámi. I Sami, da non confondere con i Lapponi, sono gli antichi abitanti dell’estremo Nord della Svezia e della Finlandia; un fiero popolo di allevatori di renne, dotato di una spiritualità profonda e sciamanica legata al culto della Madre Terra. Le suggestive canzoni intonate dalla protagonista del film, richiamano gli animali e parlano direttamente la lingua delle valli e dei boschi sconfinati, fin nella profondità delle fredde acque dei laghi…


Elle Marja (Lene Cecilia Sparrok) è una ragazzina Sámi di quattordici anni: insieme alla sorella Njenna (Mia Erika Sparrok) viene inviata in un collegio per imparare la lingua e la cultura svedese. Mentre la sorellina non riesce adattarsi e soffre di nostalgia, Elle Marja, intelligente e sveglia, è la prima della classe e desidera ardentemente essere uguale a tutti gli altri svedesi. Ma scoprirà il razzismo e i pregiudizi che gravano sul suo popolo. I Sami sono considerati selvaggi, alla stregua di attrazioni da circo, buoni solo per accoglienze folkloristiche e fotografie sui libri di antropologia. La ragazza vorrebbe proseguire gli studi ma la sua insegnante (Hanna Alstrom) le chiarirà subito che i Sami hanno il cervello troppo piccolo per farcela da soli, nel mondo. Ma la nostra eroina, una ragazza-bambina di piccola statura ma con gli occhi pieni di fuoco, non si arrenderà facilmente. Costretta a bruciare i suoi abiti Sámi, a strappare dal cuore le sue radici, a rinnegare l’amata sorella e cancellare tutto ciò che è, pur di diventare quel che vuole e che sente di avere il diritto di essere.
Nulla, neppure le profonde umiliazioni di essere stata misurata e schedata, secondo la genetica razzista coloniale degli anni Trenta, potranno toglierle il posto che la ragazza vuole nel mondo. Cambiare identità, negare il passato, cambiare nome. Ogni gesto è carico di dolore, e la giovane regista Amanda Kernell, alla sua opera prima, lo sa raccontare. La sua regia si accorda con la recitazione di Lene Cecilia Sparrok, misurata e al contempo esplosiva, e va di pari passo con la bellezza dei panorami svedesi, composti, freddi, eppure immensi e indomiti.

Emanuela Di Matteo – silenzioinsala.com

una distribuzione 

 

No comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *