Che ne sarÓ di noi
Giovanni Veronesi - Italia 2003 - 1h 50'

da La Repubblica (Paolo D'agostini)

       Il cuore del 19enne che resta in ognuno di noi palpita per le scemenze che fanno e dicono il Matteo del piccolo Muccino (Silvio) con Paolo e Manuel: Giuseppe Sanfelice irriconoscibile da quando faceva il figlio di Moretti e Laura Morante, ed Elio Germano che merita lode per quanto Ŕ versatile e diverso da Ora o mai pi¨ di Pellegrini e da Liberi di Tavarelli. E con loro la giovanissima vamp Violante Placido. Il regista Giovanni Veronesi, che (senza cattiveria) non ne aveva mai azzeccata una, stavolta fa centro: nei limiti di un effervescente filmetto generazionale, e con qualche merito da dividere con Muccino junior coautore e ispiratore. Che ne sarÓ di noi inaugura una nuova sintesi tra il retaggio vanziniano e la scuola mucciniana (Gabriele). Indicando una corrente che si distingue da quella che ha come faro la tempra "d'autore" di Matteo Garrone. Tutti gli under 35 si dividono tra questi due poli di riferimento. Il fulcro Ŕ la vacanza, anzi Il Viaggio Iniziatico, che i tre ragazzi intraprendono alla fine del liceo. La testa piena di ideali altisonanti, in realtÓ corrono dietro a Carmen, pi¨ scafata di loro, che con l'inganno Matteo ha indotto i due amici a inseguire sull'isola greca di Santorini ("ma che santo Ŕ Santorini?") dove tra proclami esistenziali e bravate notturne si consuma la magica esperienza che tanto magica non Ŕ ma serve a varcare l'invisibile soglia da un'etÓ a un'altra. Lontani dalle inservibili saggezze degli adulti, dalle convulsioni giovanilistiche dei padri.

da Film Tv (Enrico Magrelli)

       La sindrome della terza liceo Ŕ abbastanza diffusa nel cinema italiano. ╚ la versione mediterranea delle college comedy o dei teen movie statunitensi. Esperienze amorose e sessuali e i tremori dell'etÓ dello sviluppo (sociale). Dopo il pezzo di carta, il voto dell'esame finale, i primi innamoramenti da aspiranti adulti oltre a quale facoltÓ nella quale parcheggiarsi ci si chiede sotto un cielo di stelle (un topos che va e viene nelle storie sulle generazioni che crescono malvolentieri) che cosa accadrÓ. Le risposte possono essere confuse e il filo del discorso si perde spesso. L'orizzonte sembra lÓ ma Ŕ invisibile. Intanto si "fuma" e si balla, si corre e ci si accapiglia, ci si stordisce e si gioca a pallone, si vive e ci si adatta, si vomita e si fanno le prove generali del futuro. Silvio Muccino, dopo Valerio Mastandrea e altri dei quali si sono giÓ perduti i nomi nelle stagioni di ieri l'altro, Ŕ la persona pi¨ simile agli spettatori ai quali questa vacanza a Santorini (la Grecia Ŕ un'altra delle costanti poco originali di un cinema in cui i giovanotti del passato andavano a Ischia o sulla costa romagnola) Ŕ destinata. Viaggio premio pi¨ che viaggio iniziatico, vacanza temporanea, spogliatoio prima dell'incontro da disputare con l'avvenire. Matteo, Paolo e Manuel, usciti dalla scuola di Come te nessuno mai si preparano a dare gli ultimi baci e poi a cercare qualcuno che si ricordi di loro.

da Il Corriere della Sera (Tullio Kezich)

       Se Elsa Morante scrisse "Il mondo salvato dai ragazzini", il film di Giovanni Veronesi Che ne sarÓ di noi sottintende la domanda opposta: e i ragazzini chi li salverÓ? Come per dire che al di lÓ della bella estate di un trio di studentelli romani si schiuderÓ il misterioso e inquietante spazio vuoto dell' avvenire di ciascuno e tutti. Al grido di źandarsene╗, appena usciti dall' esame di maturitÓ Matteo (Silvio Muccino), Manuel (Elio Germano) e Paolo (Giuseppe Sanfelice) approdano all' isola di Santorini rigurgitante di adolescenti in vacanza. Il filo di Arianna Ŕ la vaga ricerca della coetanea Carmen (la brava Violante Placido), compagnuccia di Matteo che ha preferito pi¨ allettanti compagnie. Il film Ŕ iniziato su una scena di sesso molto spregiudicata fra il protagonista e la ragazza in questione, tanto per far capire che il problema fra loro non Ŕ quello: sanno come comportarsi a letto, ma una volta in piedi e vestiti, perdono la bussola. Matteo prende male la decisione di Carmen di andare in Grecia per conto suo e trascina in Grecia gli amici che sognavano di farsi le canne in Marocco. Figlio di madre vedova con negozio di animali, che lui crede di odiare, Manuel finirÓ per prendersi un sacco di botte per difendere un cane randagio; e Paolo, programmato per iscriversi all' universitÓ a Milano, si invaghisce di una ragazza incinta e la segue in Turchia. Si Ŕ tentati di guardare questo film come un documentario antropologico sulla trib¨ pressochÚ sconosciuta degli odierni ventenni: le bravate degli estivanti di Santorini sono intinte di rabbie, ansia e malinconia. Ma in tutti e tre i protagonisti emerge verso la fine, in modo diverso, un imprevisto senso di responsabilitÓ verso la vita. Il titolo aggiunge una patina pensosa a un'operina che ha la freschezza della cosa vista...

ANTONIANUM proiezione scolastica a cura del circolo The Last Tycoon - maggio 2004