Lettere al vento
Edmund Budina - Italia 2002 - 1h 24'

da Il Corriere della Sera (Maurizio Porro)

     Evento al Festival di Taormina, Lettere al vento Ŕ l'appassionato film testimonianza di un regista albanese, Edmund Budina, che in patria Ŕ un intellettuale e teatrante di classe. Con alle spalle una tragedia di famiglia - un soggiorno obbligato in patria in vacanza dall'ospitale Italia - e poi il ritorno che lo obbliga a un lavoro pazzesco, tra il set di Un posto al sole e una fabbrica a Bassano del Grappa, l'autore mette dentro questo film tutta l'emotivitÓ e la sofferenza patite nel passaggio storico politico. Raccontando non la sua vita, ma la sofferenza di altri, nell'Albania post dittatura, dove un padre di saldi ideali perde il lavoro, scopre l'amoralitÓ e la corruzione dei nuovi dirigenti, in un Paese liberato in mano ai ricatti degli scafisti, scoprendo tardi che il figlio espatriato non Ŕ mai giunto in Italia. Un film cui voler bene per la sinceritÓ con cui affronta fin troppi temi, cercando un equilibrio delicato tra il pubblico e il privato.
 

da La Repubblica (Paolo D'Agostini)

      Edmond Budina era un uomo dell'establishment culturale sotto il regime di Enver Hoxha, lo Stalin albanese. Attore e regista stimato. Poi Ŕ diventato un oppositore partecipando da protagonista alla preparazione della caduta e del cambiamento. Attraverso il matrimonio Budina era imparentato con una famiglia italiana che alla presa del potere comunista, nel '46, rimase bloccata nel paese dell'est che pi¨ a lungo di tutti avrebbe mantenute chiuse le sue frontiere. Nel '91 un'iniziativa che con il senno di poi non si pu˛ non giudicare demagogica: il governo italiano favorý il rimpatrio. Budina si servý di quella possibilitÓ ma in Italia vide precipitare il suo status: il solo modo di sopravvivere lo trov˛ in una fabbrica di Bassano del Grappa dove tutt'oggi fa l'operaio. Ma aveva un sogno, e ora lo ha realizzato: fare questo film, farlo in Albania. Quella che vi si racconta Ŕ un'altra odissea, non di ieri ma di questi anni di caotica e ultra contraddittoria democratizzazione. Quella di un padre (lo stesso Budina) che parte per l'Italia sulle tracce di un figlio che crede caduto nella spirale malavitosa e invece di quella spirale Ŕ rimasto vittima: morto tentando di salvare dall'annegamento altri disgraziati che gli scafisti avrebbero voluto abbandonare al loro destino. Con le sue evidenti debolezze o ingenuitÓ, Ŕ un film assolutamente degno. Nella materia che tratta Lettere al vento non sfigura al cospetto di un'opera d'autore alta e importante come Lamerica di Amelio. Quanto di rudimentale c'Ŕ nel racconto non diminuisce la sua intensitÓ.

i giovedý del cinema invisibile TORRESINO ottobre-dicembre 2003
INCONTRI CON IL CINEMA ITALIANO: sarÓ presente in sala il regista