Piccole bugie tra amici (Les petits mouchoirs)
Guillaume Canet - Francia 2010 - 2h 34'

  Un gruppo di amici riuniti per un periodo di tempo sospeso e concentrato, una disgrazia che pende sulle loro teste come la spada di Damocle. E un susseguirsi di piccoli (auto)inganni e mezze veritÓ nelle quali ognuno suo malgrado si mette a nudo. Porgendo, discretamente, uno specchio agli spettatori. ╔ la vecchia formula del Grande freddo di Kasdan, e come tutte le vecchie formule funziona ancora benone. Tanto che Piccole bugie tra amici in Francia ha avuto 6 milioni di spettatori, malgrado il coro di stroncature e distinguo intonato da una critica troppo ansiosa di smarcarsi dal gruppo di divi d'oltralpe messi in scena dal divo Canet (qui alla terza regia), per non insospettire. ╔ vero, non Ŕ facile identificarsi con i poco magnifici 7 (pi¨ uno) di Canet, perchÚ non rappresentano niente: ma proprio qui sta l'interesse del film. Raccontare una generazione (un mondo?) che non si definisce pi¨ in senso sociale o ideale, ma per lo stile di vita, come dire, da consumisti consapevoli.

Fabio Ferzetti - Il Messaggero

 Le piccole bugie sono quelle che si dicono a se stessi, e di conseguenza agli altri, magari per auto compatimento o sopravvivenza. Menzogne in apparenza inoffensive, che alla lunga incidono sulle scelte esistenziali e mistificano i rapporti affettivi. (...) Spaccato di una generazione di quarantenni immaturi e ispirato al regista da una depressione, il film ha un finale troppo convenzionale e assolutorio, e tuttavia cattura lo spettatore per la veritÓ dei particolari, per la capacitÓ di sintonizzarsi sul flusso naturale delle cose e per l'affettuosa caratterizzazione di personaggi che, grazie all'ottimo concertato degli interpreti, si fanno amare proprio in virt¨ delle loro umane debolezze.

Alessandra Levantesi Kezich - La Stampa

  Figo essere Guillaume Canet: bello, bravo (dietro e davanti la macchina da presa) e con una dea (Marion Cotillard) per compagna. GiÓ caso in patria, il suo terzo film da regista Piccole bugie tra amici, segnala l'attuale, siderale distanza tra il cinema francese e il nostro e, nello specifico, tra il suo ensemble generazionale e quelli di Gabriele Muccino film precedente in archivio: un amico in terapia intensiva a Parigi, gli altri al mare, a raccontarsi balle che sanno di veritÓ, per un nuovo Grande freddo sciolto al sole di Cape Ferret, ma senza liquidare l'ereditÓ di Kasdan e le geometrie relazionali di Truffaut e Cassavetes. Una ninfomane senza amore, un uomo di successo ma piccino, un omosessuale egocentrico, un padre di famiglia tentato, un avventuriero senza onore: Ŕ un mucchio poco selvaggio, molto triste, straordinariamente assortito, che chiede alla Cotillard e al Dujardin di The Artist, a Franšois Cluzet (Quasi amici) e Benoţt Magimel di giocare tra arte e vita, realtÓ e finzione. Ce la fanno, eccome, gettando la maschera e specchiando meschinitÓ e sinceritÓ, precarietÓ ed egotismo. Piccole bugie, dunque, e grandi veritÓ: Canet non fa la morale, ma un vecchio cinema che sa di nuovo. 

Federico Pontiggia - Il Fatto Quotidiano

promo

Cap Ferret. Un gruppo di amici parigini si ritrova per la consueta estate da passare nella grande casa sul mare. Ognuno, per˛, si Ŕ portato dietro i propri stress e il dolore per la mancanza di uno di loro, rimasto solo a Parigi in ospedale dopo un gravissimo incidente. Evidente Ŕ l'intenzione di realizzare qualcosa che abbia un respiro di bilancio generazionale: delusioni e rimpianti, ma anche successi e felici approdi tra chiacchiere, flirt e litigi di un gruppo di quarantenni. Una commedia francese, con ottimi attori, che bene miscela malinconia e umorismo.

film del week-end precedente TORRESINO - aprile/maggio 2012 film successivo presente sul sito