Sangue vivo
Edoardo Winspeare - Italia 2000 - 1h 35'

da Film Tv (Aldo Fittante)

Se Pane e tulipani Ť stato il film italiano da vedere in primavera, la nuova, bella opera di Winspeare meriterebbe di trasformarsi nell'evento estivo. La seconda pellicola della stagione (dopo Lacapagira) parlata in dialetto e sottotitolata in italiano naviga nelle vene dove scorre, appunto, il "sangue vivo", fiume di sensazioni forti che ha il passo della "pizzicata" , la musica che gira intorno alle vittime del terribile (e mitico) ragno taranta, i cui morsi provocano crisi tra l'epilettico e l'isteria. La "pizzicata" ha, tra le molte, la virtý di neutralizzare il "male" che il potente animale trasmette e quindi ha una funzione taumaturgica: il ritmo sostenuto dai tamburi simbolizza la pulsione del cuore che, a poco a poco, viene "assecondata", restituendo la guarigione ai tarantolati. Winspeare filtra tradizione alta e introspezione antropologica, nella storia di due fratelli salentini opposti per carattere e reazione verso la vita. Due personaggi e due attori che invadono e affollano di emozioni ali sguardi, e ali occhi, le paure e i dolori degli spettatori.

Cantiere Italia cinema Torresino ottobre-dicembre 2000