Tickets
Abbas Kiarostami, Ken Loach, Ermanno Olmi - G.B./Iran/Italia 2005 - 1h 55'


da La Repubblica (Roberto Nepoti)

     iniziato un po' per caso, Ŕ proseguito per gioco. Ma un gioco serio. Abbas Kiarostami aveva inizialmente proposto una trilogia documentaristica. E indic˛ come ideali compagni di avventura film precedente in archivio Ermanno Olmi film successivo in archivio e Ken Loach. Non si erano mai conosciuti ma si stimavano a distanza e ognuno conosceva le opere dell'altro: la scintilla dell'intesa fu immediata. Olmi butta lý un'idea di partenza e gli altri due si adeguano: un viaggio in treno tra la Germania e l'Italia. Non un film a episodi ma un unico film in cui alcuni personaggi via via svaniscono mentre altri stanno ora sullo sfondo ora in primo piano. Il passaggio di mano in mano, da un regista all'altro, non Ŕ segnalato: anche se sono riconoscibili le diverse sensibilitÓ, i rispettivi "tocchi". Inizia Olmi con un attempato signore (Carlo Delle Piane) che s'innamora platonicamente, solo idealmente, di una giovane donna che lo ha accompagnato in stazione (Valeria Bruni Tedeschi), e affida al computer una lettera-confessione destinata a non essere mai completata nÚ inviata. Prende poi il sopravvento (Kiarostami) la figura di una donna capricciosa e arrogante, vedova di un militare neanche lei giovane (Silvana De Santis), avviata a partecipare a una cerimonia commemorativa, che vessa il suo giovane accompagnatore, un ragazzo impegnato nel servizio civile. E nella parte finale riemerge una famiglia di immigrati clandestini - giÓ visti sullo sfondo della prima parte, oggetto di un gesto solidale da parte del signore innamorato - che derubano un terzetto di ragazzi inglesi tifosi del Celtic, diretti a Roma per una finale di coppa. Irruenti e generosi, i tre finiranno per inguaiarsi pur di aiutare i clandestini. Pi¨ di tutti riconoscibile, questo Ŕ puro Loach come tipologia dei personaggi. Che cosa intendevano fare, esprimere, comunicare i tre? Tre campioni di un cinema dai caratteri profondamente europei, sociali, umani, refrattario alle leggi dello spettacolo. Imbastire un intreccio di quotidiana inestricabile convivenza tra bontÓ e cattiveria, mettere in piedi un osservatorio sulla piccola-grande umanitÓ che formicola, s'incontra e si lascia, in una situazione topica come Ŕ quella della condivisione di un viaggio in treno. Un gioco leggero, si diceva (e non privo di difetti), ma non senza la volontÓ di gettare qua e lÓ semi di inquietudine, dilemmi morali della vita di tutti i giorni, interrogativi che sono sotto i nostri occhi continuamente anche se la tentazione di girare la testa Ŕ prepotente sull'ingiustizia che divide chi - metaforicamente - pu˛ permettersi un "biglietto" - un ticket - e chi no.

LUX - marzo-aprile 2005