Un amore
Gianluca Maria Tavarelli - Italia 1999 - 1h 45'

da L'UnitÓ (Michele Anselmi)

     Quanto dura un amore? "Io so solo che voglio vivere tutta la mia vita con te", promette Sara a Marco. E lui annuisce. Ma la vita s'incaricherÓ di fare andare le cose in modo diverso. Per il suo secondo lungometraggio, il trentacinquenne torinese Gianluca Maria Tavarellifilm successivo in archivio ha scelto un titolo semplice e chiaro: Un amore. Uno dei tanti possibili, raccontato nel corso del tempo: dai primi anni Ottanta al capodanno del Duemila, immaginando di riassumerlo in dodici capitoli, resi in piani sequenza, separati l'uno dall'altro da una breve animazione (di Laura Federici) che rielabora alcune fotografie. Progetto ambizioso, anche sul piano stilistico, che il cineasta sviluppa con notevole misura: senza troppe forzature romanzesche, intrecciando le vicende personali alle stagioni politiche (la morte di Berlinguer, la caduta del Muro di Berlino...), restituendo con semplicitÓ i meccanismi dell'innamoramento, i capricci dell'esistenza, gli scatti d'ira e le ragioni degli affetti. Dodici capitoli, dunque, per raccontare - come dice il regista - "la fuggevolezza della nostra vita e il suo condensarsi, come il vapore su un vetro in un ambiente chiuso, in pochissime gocce". Si comincia dal 19 giugno del 1982, nella discoteca dove Sara (Lorenza Indovina) e Marco (Fabrizio Gifuni) si sono dati appuntamento con qualche imbarazzo. Anno dopo anno, passando attraverso convivenze, litigi, furori, abbandoni e matrimoni falliti, i due continuano ad amarsi, spesso a distanza, magari sentendo di non essere fatti l'uno per l'altra. Lei Ŕ una giovane medica energica, vitale, appassionata, che non ha rinunciato agli ideali della sinistra; lui Ŕ un avvocato distratto, passivo, innamorato che si ritrova a difendere politici corrotti. Anche se gli episodi non sono sempre ben calibrati sul fronte della scrittura, Un amore si impone per la toccante veritÓ delle situazioni e la bella prova degli interpreti. ╔ probabile che chi andrÓ a vederlo ritroverÓ qualcosa di sÚ nella defaticante e insieme affettuosa schermaglia amorosa destinata a concludersi con un lieto fine sulla spiaggia. Ma il film, nel suo insieme, non Ŕ consolatorio, semmai malinconico e ispirato come la poesia di Saba piazzata sui titoli di coda.

da Film Tv

     Un'autentica sfida quella lanciata dal torinese Gianluca Maria Tavarelli con il suo secondo lungometraggio (dopo il bello e sottovalutato Portami via del '94): dodici quadri girati in piano-sequenza (e in 14 giorni!) legati insieme da siparietti animati di 30" ciascuno (opera di Laura Federici). Dodici piano-sequenza, quindi, per testimoniare i dodici momenti doc dell'intensa storia d'amore fra Marco e Sara, rivissuta in flashback, partendo dal 1982, anno del primo incontro avvenuto in una discoteca, e approdando al 31 dicembre 1999, evento epocale per la Storia e per il futuro dei due. Il titolo, preso in prestito da una poesia di Umberto Saba, Ŕ anche il paradigma di questo film semplice e articolato, in cui i piccoli spostamenti della macchina da presa vanno di pari passo con i piccoli spostamenti del cuore dei protagonisti. Che sono la tenera, corvina, appassionata Lorenza Indovina, occhi da cerbiatto, pronta a farsi sopraffare e vincere da quell'amore; e lo splendido svagato Fabrizio Gifuni, perfetto nei mutamenti che la vita "regala" dopo i trent'anni.

TORRESINO - incontri con il cinema italiano ottobre/dicembre 1999