blog

La sfida delle mogli

Peter Cattaneo

Mentre i mariti sono lontani per combattere in Afghanistan, un gruppo di donne forma un coro. Susciteranno l’attenzione dei media, trovandosi al centro di un movimento globale… Peter Cattaneo dopo l’esordio di Full Monty (1997), torna con un nuovo progetto corale, la storia vera di un gruppo di donne che hanno trovato nella musica uno sfogo terapeutico. Un commedia-pop al femminile che mostra l’altro versante della guerra, quello delle trincee domestiche, quello intimo a cui non si pensa ma che è ugualmente sconvolgente.

Military Wives
Gran Bretagna 2019 (110′)

Se Ken Loach, eterno sismologo dei cambiamenti sociali, è il rappresentante più illustre del genere, con cui misura l’onda di choc del big bang liberale e mostra i suoi effetti sul corpo e lo spirito degli uomini, Peter Cattaneo è la sua versione light. Full Monty nel 1997 puntava col sorriso crepe sociali altrettanto reali, dimostrando che un uomo può trovare la sua dignità anche restando in mutande sulle note di “Hot Stuff”. E di note si tratta ancora in Military Wives, commedia sociale rigenerativa che volge al femminile, cambia (e alza) tonalità ma suona ancora pop.
Piazzata la camera dalla parte delle mogli dei soldati britannici occupati in Afghanistan, Peter Cattaneo racconta l’attesa (infinita e dolente) di chi resta a casa. Nessuna scena di guerra, nessuna violenza, se non quella dei sentimenti provati davanti a un conflitto senza fine, dentro un quotidiano ordinario e deprimente, scandito dall’angoscia della morte e dalla gestione dell’assenza. Il partito preso di Military Wives è di mostrare l’altro versante della tragedia, quello delle trincee domestiche, quello intimo a cui non si pensa mai ma che sconvolge profondamente il Paese.

Divise per ordine e ‘grado’, quello dei mariti, le mogli di Peter Cattaneo, formano una comunità in crisi proprio come gli operai disoccupati di Full Monty . E ancora una volta l’autore trova ai suoi protagonisti uno scopo e un orizzonte d’azione, orchestrando come nessuno una parabola d’amore in tempo di guerra.

Marzia Gandolfi – mymovies.it

image_pdfSalva in PDF
No comments