blog

Duello al sole

King Vidor

Texas, 1880. Perla, dopo essere rimasta orfana sia di madre (uxoricidio) che di padre (impiccato per il delitto) viene accolta nella fattoria del senatore McCanles grazie all’indulgenza della moglie di lui, a suo tempo legata al padre della ragazza.
La provocante bellezza meticcia di Perla tocca il cuore di Jesse, il figlio maggiore del senatore, laureato in legge, e fa ribollire il sangue allo scapestrato figlio minore, Lewt. Di lì a poco i diritti di concessione territoriale della ferrovia si scontrano con la gestione patriarcale del senatore, invalido e collerico, arrivando a minare definitivamente i suoi rapporti con il figlio maggiore. Così Jesse è costretto dal genitore a lasciare la famiglia e a perdere in questo modo l’opportunità di restare a fianco di Perla. Lei finisce ben presto tra le braccia di Lewt ma la loro relazione è torbida, tanto focosa quanto conflittuale e quando anche il giudizio irrevocabile del senatore viene a compromettere ogni possibile futuro per la coppia, Perla non trova di meglio che sposare Sam, l’anziano fattore dell’azienda. La situazione precipita: Lewt uccide Sam e ferisce Jesse, che è tornato al capezzale della madre morente, e, divenuto un fuorilegge, non può che nascondersi sulle montagne. Si farà vivo solo per far arrivare un messaggio a Perla chiedendole di incontrasi alla Roccia della Testa Indiana. Sarà una memorabile resa di conti, tra passione e vendetta. In mezzo alle rocce Perla e Lewt si sparano l’un l’altro fino a che non finiscono abbracciati, tra la polvere e il sangue, entrambi colpiti morte.

 

Duel in the Sun
USA 1946 (138′)


È il fuoco del melodramma quello che fa ardere in Duello al sole. Già in apertura l’ammiccante danza della madre di Perla scalda l’atmosfera del saloon con la sua provocante sensualità, poi il colloquio tra la ragazza e il padre destinato alla forca riempie di pathos l’angusta cella della prigione; il dramma si fa ancora evidente nel faccia a faccia, lungo il filo spinato, tra i cowboy del senatore e le truppe della cavalleria, nella sofferta confessione del vecchio McCanles alla moglie inferma. Ma il racconto davvero s’infiamma nelle violente parentesi “sentimentali” tra Perla, appassionata e volitiva, e Lewt, spezzante e prevaricatore. Il tono di Duello al sole non è sempre uniforme, scivola spesso in situazioni scontate da romanzo d’appendice per arrivare, comunque, pulsante di tensione passionale e malcelato rancore, all’epico scontro finale: oltre sei minuti di un sofferto viatico di amore e morte.

Ezio Leoni

 

NOTE:
La regia di  Duello al sole è a più mani. Il produttore, David O. Selznick ci teneva a realizzare un kololossal alla Via col vento e affiancò a King Vidor altri illustri colleghi. Tra questi William Dieterle che girò il prologo (con la tragedia che segna il destino di Perla), Joseph Von Sternberg che fu consulente del colore (l’uso del technicolor in controluce è un punto di forza del film) e Cameron Menzies che si occupò delle scene d’azione.
Il ruolo di Perla doveva essere di Teresa Wright che dovette rinunciare causa la gravidanza. D’altronde, analogamente a Il mio corpo ti scalderà, Jennifer Jones era la moglie di Selznick.
Nella versione originale la voce narrante è di Orson Welles. 

interpreti principali: Jennifer Jones (Perla Suarez), Joseph Cotten (Jesse McCanles), Gregory Peck (Lewt McCanles), Lionel Barrymore (senatore Jackson McCanles), Lillian Gish (Arabella McCanles), Herbert Marshall (Scott Suarez), Harry Carey (Lem Smoot), Charles Bickford (Sam Pierce)

FRASI:
Il senatore di fronte all’esercito schierato sul confine delle sue terre: “Ho combattuto per quella bandiera e non sparerò su di essa”
Il senatore, all’amico Smoot, dopo che Lewt ha ferito Jesse: “Mi sembra impossibile, ma io devo aver avuto torto su molte cose. Arabella me lo dicevo che io guastavo Lewt, ma non volevo ascoltarla. Guarda, guarda. Vedi queste mie terre, le colline, era così orgoglioso di quel che ne avevo fatto. Credevo di aver costruito qualcosa per Lewt e Jesse. E che cosa ho raggiunto? Lewt è un assassino, un fuorilegge…”

SEQUENZE:
L”arrivo della cavalleria al recinto
Il piano sequenza della festa
l’incontro notturno tra Perla e Lewt (lui l’abbandona)
Lo scontro finale tra Perla e Lewt

No comments