recensioni – MCmagazine

È stata la mano di Dio

Paolo Sorrentino

Napoli, anni Ottanta. Fabietto è un ragazzo come tanti, che lotta per trovare il suo posto nel mondo. La sua vita verrà sconvolta da un paio di eventi che cambieranno tutto: uno è l’arrivo a Napoli di Maradona, che suscita nell’intera città un orgoglio che un tempo sembrava impossibile; l’altro un drammatico incidente che farà toccare a Fabietto il fondo, indicandogli la strada per il suo futuro.

Italia 2021 (130′)

 VENEZIA – Esattamente venti anni dopo il suo brillante esordio veneziano (L’uomo in più, correva il 2001!), Paolo Sorrentino presenta in concorso al festival E stata la mano di Dio, certo il suo film più intimo e sincero da molti anni a questa parte. Pagato lo scotto allo spirito del tempo, la serialità produttiva internazionale e domestica dei due Papi e dei due Loro (film che d’altra parte solo l’autore de Il divo poteva tentare di fare), torna ad una dimensione più personale, quasi autobiografica, e alla ambientazione napoletana.

No comments
Leggi tutto

Madres paralelas

Pedro Almodóvar

Due donne single, Janis, fotografa affermata e Ana, un’adolescente insicura, diventano madri lo stesso giorno. L’aver condiviso la stessa stanza in ospedale ha creato un vincolo molto forte tra loro e, quando si rincontreranno, la loro esistenza avrà imprevisti e complicati sviluppi. Un racconto di sentimenti appassionati con, sullo sfondo, una Spagna che deve ancora chiudere i conti col suo passato.

Spagna 2021 (120′)

 VENEZIA – Dopo aver fatto i conti con la sua storia personale e familiare in Dolor y gloria (Berlino ‘20) Pedro Almodóvar apre il festival di Venezia con Madre paralelas dove torna al tema fondamentale della sua filmografia, la donna, l’eterno femminino, e quindi l’essere figlia e madre. E chiama ad interpretarlo le sue attrici feticcio: Penelope Cruz, Julieta Serrano, Rosy De Palma, con l’aggiunta della brava esordiente Milena Smit.

No comments
Leggi tutto

Il cieco che non voleva vedere Titanic

Teemu Nikki

Jaakko (Petri Poikolainen) è ipovedente e ridotto sulla sedia a rotelle a causa della SLA. Ha una grande passione per il cinema, privilegiando James Cameron e John Carpenter. A solleticarlo c’è Sirpa (Marjaana Maijala), donna che ha conosciuto virtualmente e che, dialogando con lui, tenta di convincerlo a vedere Titanic. Jaako si trova coinvolto in una situazione pericolosa quando decide di uscire di casa per raggiungere la donna…

Sokea Mies, Joka Ei Halunnut Nahda Titanicia
Finlandia (116′)
VE 79°: Premio degli spettatori (Armani Beauty-Orizzonti Extra)

 VENEZIA – Sono lontani i tempi in cui i primi teorici del cinema consideravano il primissimo piano un vero e proprio tabù, in quanto distorceva quell’illusione di realtà che giocava allora un ruolo di rilievo nel rapporto tra il film e lo spettatore.

No comments
Leggi tutto

Old Henry

Potsy Ponciroli

USA 2021 (99′)

 VENEZIA – È dai tempi di L’uomo che uccise Liberty Valance (1962) che sappiamo che nel West, “se la leggenda diventa realtà, vince la leggenda”, così di fronte a Old Henry può venir meno qualche sicurezza relativamente a qual è per noi la vera storia di fuorilegge mitizzati come Jessy James e Billy The Kid…

No comments
Leggi tutto

Spencer

Pablo Larraín

USA 2021 (111′)

 VENEZIA – Una giovane donna si perde mentre guida lungo una solitaria strada di campagna. Chiede informazioni agli avventori di un locale, che, per tutta risposta, al suo ingresso la fissano come inebetiti e sorpresi dalla sua presenza. Con l’aiuto di alcuni automobilisti appena più loquaci, che oltre alle indicazioni le forniscono un breve ma perentorio avvertimento, riesce poi a raggiungere la meta: una enorme villa spersa nel contado inglese, i cui abitanti paiono sin dal primo ingresso succubi di ritualità misteriose e un po’ sconcertanti. Mentre strani libri si manifestano sul suo letto e inquietanti sogni le agitano il riposo, la protagonista inizia a crollare sotto il peso dell’angosciante controllo che gli altri inquilini esercitano su di lei.

No comments
Leggi tutto

Atlantide

Yuri Ancarani

Una sinfonia d’immagini che si muove attorno alla quotidianità di un gruppo di adolescenti delle isole della laguna veneziana, una generazione smarrita, attratta dalla forza e dalla velocità a bordo di barchini truccati che sfrecciano come bolidi sull’acqua.

Italia 2021 (116′)

 VENEZIA – Protagonista di tutti i film del regista e videoartista ravennate Yuri Ancarani è lo spazio. Quello claustrofobico dell’interno di una piattaforma per l’estrazione del gas in Piattaforma prodotto da Maurizio Cattelan e presentato a Venezia nel 2011, quello dello stadio di SanSiro vuoto (San Siro 2014), quello del deserto del Qatar in The Challenge presentato a Locarno nel 2016 e infine quello della laguna veneziana nel suo ultimo lavoro e primo lungometraggio, da lui scritto, fotografato, montato e diretto, Atlantide, proiettato a Venezia nella sezione Orizzonti.

No comments
Leggi tutto

Il buco

Michelangelo Frammartino

Italia/Germania/Francia 2021 (93′)

 VENEZIA – Milano, 1961. Una trasmissione televisiva in grossolano bianco e nero ci illustra la costruzione, in pieno boom economico, del grattacielo Pirelli, allora il più alto d’Europa. È visibile, nell’impeto del cronista arrampicato sull’impalcatura dei lavavetri, l’orgoglio per quel risultato che proietta simbolicamente l’Italia nel novero dei paesi avanguardisti e, più ancora, delle principali potenze economiche del continente. Calabria, Parco Nazionale del Pollino, 1961. Un gruppo di speleologi disceso dal Nord Italia si propone di esplorare l’Abisso del Bifurto, una profonda grotta carsica, di cui allora non si conosceva la geografia. Accompagnati da pochi pastori esperti di quelle terre inesplorate, il loro difficoltoso viaggio per discese e strettoie dura settimane e si conclude a una profondità di -687 metri, là dove le vie interne si interrompono e il baratro si richiude.

No comments
Leggi tutto

Il potere del cane

Jane Campion

The Power of the Dog
Nuova Zelanda/Australia 2021 (128′)

 VENEZIA – C‘era molta attesa per Il potere del cane, film con cui Jane Campion è tornata alla regia dodici anni dopo Bright Star, soprattutto per l’inaspettata scelta di cimentarsi con il genere western da parte di una delle registe più capaci di sondare l’animo femminile.
Si tratta di un adattamento del romanzo omonimo di Thomas Savage, pubblicato nel 1967, ma riscoperto negli ultimi anni e molto amato. Lo scrittore, considerato oggi uno dei grandi autori della letteratura americana, mina il western alle sue fondamenta, scavando nei personaggi “classici” del genere fino a rivelare una complessità e una ambiguità inaspettate. È questo lavoro di svelamento, in un mondo “di personaggi e temi profondamente maschili”, ad aver affascinato Jane Campion.

No comments
Leggi tutto

Sundown

Michel Franco

Messico/Francia/Svezia 2021 (83′)

 VENEZIA – Cominciavamo, un anno fa, la discussione sul film Nuevo Orden di Michel Franco in concorso alla Settantasettesima Mostra del Cinema di Venezia, dicendo della costante partecipazione del regista alle occasioni festivaliere, il che, senza essere un merito o un demerito, pure ci suggerisce qualcosa sul suo atteggiamento verso la settima arte. Riprendiamo, dunque, da lì, dalla pratica di un cinema che si vorrebbe denso di significato, ma di un significato definito a priori e di cui la messa in scena si limita a essere esecutrice; un cinema, in qualche modo, ossessivamente pre-scritto e per il quale ci sembrava di indovinare una sorte infruttuosa..

No comments
Leggi tutto

On the Job: The Missing 8

Erik Matti

The Missing 8, sottotitolo del film, allude a otto impiegati di un giornale locale improvvisamente scomparsi. Un giornalista corrotto, detto “lo Zio” in virtù del successo del suo programma radiofonico, decide di indagare per cercare giustizia, ma si mette contro un sindaco, di cui è sempre stato fedele sostenitore. La sua indagine si intreccia alla vicenda di un sicario finito in prigione e fatto uscire per commettere degli omicidi.

Filippine 2021 (208′)
VENEZIA 78°: Coppa Volpi per il miglior interprete maschile

 VENEZIA – I festival costituiscono sempre un’occasione per conoscere meglio il cinema filippino contemporaneo, ancora poco noto al pubblico occidentale.Erik Matti, la cui fama in Italia è limitata prevalentemente ai frequentatori del Far East Film Festival di Udine, ha presentato a Venezia il sequel di un film proiettato con successo nel 2013 a Cannes, ma mai uscito nelle sale in Italia. In occasione dell’esordio veneziano è stato realizzato un nuovo montaggio dei due lungometraggi insieme sotto forma di miniserie televisiva, in collaborazione con HBO Asia.

No comments
Leggi tutto