blog

Kentannos

Víctor Cruz

Tra Costa Rica, Giappone e Sardegna (tre dei luoghi che sembrano custodire il segreto dell’elisir di lunga vita), il film documentario di Víctor Cruzche, intreccia emozioni e sfide quotidiane di alcuni giovani centenari che, alla soglia del loro primo secolo – e talvolta anche oltre – non smettono di vivere in maniera straordinariamente normale, senza rinunciare ai propri desideri.

Argentina/Italia (90′)


S
olo Dio conosce il segreto della vita eterna… o forse no. Qualcun altro sembra averne scoperto la chiave: una madre con figli ottantenni, un poliziotto che dà lezioni di salsa, un pilota in pensione che sogna di volare, delle signore giapponesi che ballano, un uomo e una donna che si tengono per mano da tutta la vita. Sono persone semplici, ma i loro corpi contano mille rughe e conservano una vivacità rara, mentre le loro voci narrano di memorie antiche. Dalle foreste sconfinate in Costa Rica, attraverso i pascoli sardi, fino a una scuola di danza a Okinawa, Víctor Cruz dà vita ad un trittico che attraversa il tema della vecchiaia e ne cattura lo scorrere del tempo, immortalando la quotidianità più spontanea e genuina.

Ambientato in tre delle cinque “blue zone” (le aree del pianeta in cui l’aspettativa di vita è notevolmente più alta rispetto alla media), Kentannos è un film sulla passione di vivere che, con estrema tenerezza, ci ricorda che l’età è solo uno stato mentale. In Costa Rica, la figlia di Pachito teme che a 98 anni il padre non sia più in grado di andare a cavallo, e cerca di proibirglielo; in Sardegna, Adolfo chiede come regalo per i suoi 93 anni di poter coronare il suo sogno di tutta la vita: pilotare un aeroplano; sull’isola di Okinawa, Tomi, 95 anni, fa parte di una famosa pop band, e continua ad andare in tournée in tutto il Giappone.

No comments